Una revisione sistematica con metanalisi individua nei probiotici una nuova strategia complementare per il trattamento dell’obesità

22 Luglio, 2021

Secondo una recente revisione sistematica della letteratura, con metanalisi, e in accordo con studi precedenti, l’impiego di probiotici in soggetti sovrappeso e obesi sarebbe utile nel controllo del peso, nel miglioramento della composizione corporea e nella riduzione dei livelli ematici di alcuni marker di infiammazione di basso grado.

Dall’analisi dei risultati di 26 studi di intervento randomizzati e controllati, condotti su un totale di 1720 soggetti, la supplementazione con probiotici (in capsule, bustine, assunti con yogurt, kefir o latti fermentati oppure un placebo), per periodi di tempo compresi tra tre settimane e sei mesi, si è dimostrata in grado di ridurre in modo significativo il peso corporeo (- 0,70 kg), la massa grassa (- 0,71 kg) e l’adiposità addominale (valutata mediante tomografia assiale computerizzata o risonanza magnetica) totale (-9,69 cm2), viscerale (-6,24 cm2) e sottocutanea (-3,46 cm2), rispetto al placebo. L’effetto era indipendente dall’eventuale restrizione calorica ed era maggiore per dosaggi superiori a 1010 UFC (cellule vive) al giorno e per una durata di almeno 8 settimane.

I probiotici si sono dimostrati moderatamente efficaci anche nella diminuzione delle concentrazioni sieriche del TNF-alfa, una proteina coinvolta nella risposta infiammatoria, dei livelli ematici di insulina a digiuno e del colesterolo totale e LDL. La supplementazione con probiotici non ha invece mostrato effetti significativi su altri marker di infiammazione (PCR, IL-6, adiponectina e leptina) e sui valori plasmatici di trigliceridi e del colesterolo legato alle lipoproteine HDL.

Sebbene l’eterogeneità tra i ceppi e la bassa numerosità campionaria di alcuni degli studi analizzati non permettano di trarre conclusioni definitive, gli autori sostengono che la somministrazione di probiotici, insieme a un miglioramento dello stile di vita e un intervento nutrizionale mirato, potrebbe rappresentare una possibile strategia complementare nel controllo del sovrappeso e dell’obesità e dei relativi fattori di rischio associati.

Effects of probiotics on body adiposity and cardiovascular risk markers in individuals with overweight and obesity: a systematic review and meta-analysis of randomized controlled trials

da Silva Pontes KS, Guedes MR, da Cunha MR, de Souza Mattos S, Silva MIB, et al.
Clin Nutr. 2021. https://doi.org/10.1016/j.clnu.2021.06.023

BACKGROUND & AIMS: Evidence suggests that gut microbiota is a potential factor in the pathophysiology of both obesity and related metabolic disorders. While individual randomized controlled trials (RCTs) have evaluated the effects of probiotics on adiposity and cardiovascular disease (CVD) risk factors in subjects with overweight and obesity, the results are inconsistent. Thus, this systematic review and meta-analysis aimed to evaluate the effects of probiotic supplementation on body weight, body adiposity and CVD risk markers in overweight and obese subjects.
METHODS: A systematic search for RCTs published up to December 2020 was conducted in MEDLINE (via PubMed), EMBASE, Scopus and LILACS. Meta-analysis using a random-effects model was chosen to analyze the impact of combined trials.
RESULTS: Twenty-six RCTs (n ¼ 1720) were included. Data pooling showed a significant effect of probiotics in reducing body weight (MD:-0.70 kg; 95%CI:-1.04,-0.35 kg; P < 0.0001), body mass index (BMI) (MD:- 0.24 kg/m2 ; 95%CI:-0.35,-0.12 kg/m2 ; P ¼ 0.0001), waist circumference (WC) (MD:-1.13 cm; 95%CI:-1.54,- 0.73 cm; P < 0.0001), fat mass (MD:-0.71 kg; 95%CI:-1.10,-0.32 kg; P ¼ 0.0004), tumor necrosis factor-a (MD:-0.16 pg/ml; 95%CI:-0.24,-0.08 pg/ml; P ¼ 0.0001), insulin (MD:-0.85mcU/ml; 95%CI:-1.50,- 0.21mcU/ml; P ¼ 0.010), total cholesterol (MD:-0.16 mmol/l; 95%CI:-0.26,-0.05 mmol/l; P ¼ 0.003) and LDL (MD:-0.09 mmol/l; 95%CI:-0.16,-0.03 mmol/l; P ¼ 0.006) compared with control groups. There was a significant decrease in body weight, BMI and WC in studies using both single and multi-bacterial species. Decreases in body adiposity parameters were only observed in studies using a probiotic dose of  1010 CFU and for 8 weeks duration.
CONCLUSIONS: The present meta-analysis suggests that probiotics consumption may be helpful for improving body weight, body adiposity and some CVD risk markers in individuals with overweight and obesity.

Condividi

AP&B

Eventi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER NFI

Riceverai la nostra selezione della letteratura scientifica e il mensile AP&B (Alimentazione, Prevenzione & Benessere), pensato per chi vuole conoscere i presupposti di un'alimentazione che dia un contributo attivo allo “star bene”.

Non inviamo spam!
Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.