L’integrazione con un multivitaminico multiminerale rallenterebbe l’invecchiamento delle funzioni cognitive

30 Settembre, 2022

L’Alzheimer colpisce ogni anno più di 46 milioni di persone in tutto il mondo. Identificare interventi sicuri, possibilmente a basso costo e accessibili per proteggere le funzioni cerebrali dal declino legato all’età è quindi una priorità per la salute pubblica, specie in una società di età media crescente. Il possibile ruolo al proposito dell’integrazione con multivitaminici è stato oggetto di studi epidemiologici che sono giunti a conclusioni discordanti.

Nuove informazioni su questo argomento emergono dai risultati di un trial randomizzato e controllato contro placebo, COSMOS Mind, progetto ancillare dello studio COSMOS (COcoa Supplement and Multivitamin Outcomes Study), nel quale sono stati esaminati gli effetti della supplementazione giornaliera per circa 3 anni con un estratto di cacao (contenente 500 mg di flavonoidi) o con un integratore multivitaminico con minerali, oppure con una combinazione di entrambe le preparazioni in 2262 uomini e donne con più di 65 anni. All’inizio e poi una volta all’anno, per tutta la durata dello studio, i partecipanti sono stati contattati telefonicamente e sottoposti a test specifici per valutare lo stato cognitivo in generale, la memoria episodica e la funzione esecutiva.

L’estratto di cacao (che ha ridotto sensibilmente gli eventi cardiovascolari, e specie la morte per cause cardiovascolari) non ha mostrato alcun effetto significativo sulla salute cerebrale, mentre l’assunzione giornaliera del multivitaminico multiminerale ha indotto un miglioramento dello stato cognitivo, specialmente nei soggetti con una storia pregressa di malattie cardiovascolari. L’integrazione vitaminico-minerale ha infatti migliorato la memoria episodica e la funzione esecutiva, rallentando l’invecchiamento cognitivo di quasi 2 anni rispetto al gruppo in trattamento placebo. In altre parole, in base alle stime effettuate, l’integrazione per tre anni con un multivitaminico-minerale avrebbe rallentato del 60% circa il declino cognitivo legato all’età.

Eventuali carenze nutrizionali negli anziani possono aumentare il rischio di declino cognitivo e della demenza e i singoli micronutrienti, spiegano gli autori, intervengono su più percorsi biologici che supportano la normale funzione del corpo e del cervello; per questo motivo un’integrazione con minerali e vitamine potrebbe essere effettivamente utile nella protezione della cognitività.

Gli stessi autori sottolineano che sono naturalmente necessarie ulteriori indagini in coorti più ampie e diversificate per poter confermare i risultati ottenuti ed esplorare i reali meccanismi biologici alla base del beneficio osservato. Tuttavia, visto il rigoroso formato controllato dello studio COSMOS-Mind, i risultati sono di evidente e immediato interesse.

Effects of cocoa extract and a multivitamin on cognitive function: A randomized clinical trial

Baker LD, Manson JE, Rapp SR, et al.
Alzheimers Dement. 2022;10.1002/alz.12767. doi:10.1002/alz.12767. [published online ahead of print, 2022 Sep 14].

INTRODUCTION: Dietary supplements are touted for cognitive protection, but supporting evidence is mixed. COSMOS-Mind tested whether daily administration of cocoa extract (containing 500 mg/day flavanols) versus placebo and a commercial multivitamin-mineral (MVM) versus placebo improved cognition in older women and men.
METHODS: COSMOS-Mind, a large randomized two-by-two factorial 3-year trial, assessed cognition by telephone at baseline and annually. The primary outcome was a global cognition composite formed from mean standardized (z) scores (relative to baseline) from individual tests, including the Telephone Interview of Cognitive Status, Word List and Story Recall, Oral Trail-Making, Verbal Fluency, Number Span, and Digit Ordering. Using intention-to-treat, the primary endpoint was change in this composite with 3 years of cocoa extract use. The pre-specified secondary endpoint was change in the composite with 3 years of MVM supplementation. Treatment effects were also examined for executive function and memory composite scores, and in pre-specified subgroups at higher risk for cognitive decline.
RESULTS: A total of 2262 participants were enrolled (mean age = 73y; 60% women; 89% non-Hispanic White), and 92% completed the baseline and at least one annual assessment. Cocoa extract had no effect on global cognition (mean z-score = 0.03, 95% CI: -0.02 to 0.08; P = .28). Daily MVM supplementation, relative to placebo, resulted in a statistically significant benefit on global cognition (mean z = 0.07, 95% CI 0.02 to 0.12; P = .007), and this effect was most pronounced in participants with a history of cardiovascular disease (no history: 0.06, 95% CI 0.01 to 0.11; history: 0.14, 95% CI -0.02 to 0.31; interaction, nominal P = .01). Multivitamin-mineral benefits were also observed for memory and executive function. The cocoa extract by MVM group interaction was not significant for any of the cognitive composites.
DISCUSSION: Cocoa extract did not benefit cognition. However, COSMOS-Mind provides the first evidence from a large, long-term, pragmatic trial to support the potential efficacy of a MVM to improve cognition in older adults. Additional work is needed to confirm these findings in a more diverse cohort and to identify mechanisms to account for MVM effects.
HIGHLIGHTS: COSMOS-Mind was a large simple pragmatic randomized clinical trial in older adults conducted by mail and telephone. The trial used a two-by-two factorial design to assess treatment effects of two different interventions within a single large study. We found no cognitive benefit of daily cocoa extract administration (containing 500 mg flavanols) for 3 years. Daily multivitamin-mineral (MVM) supplementation for 3 years improved global cognition, episodic memory, and executive function in older adults. The MVM benefit appeared to be greater for adults with cardiovascular disease.

Condividi
Eventi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER NFI

Riceverai la nostra selezione della letteratura scientifica e il mensile AP&B (Alimentazione, Prevenzione & Benessere), pensato per chi vuole conoscere i presupposti di un'alimentazione che dia un contributo attivo allo “star bene”.

Non inviamo spam!
Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.