La risposta glicemica successiva al pasto serale dipende anche dal cronotipo individuale

17 Aprile, 2024

Questo piccolo ma ben condotto studio sperimentale ha esaminato le variazioni della risposta glicemica a un pasto ad alto indice glicemico a seconda dell’orario di consumo (mattina vs. sera) e del cronotipo (mattiniero vs. serale): un tema particolarmente rilevante, considerando l’importanza crescente che sta acquisendo la personalizzazione delle strategie nutrizionali per migliorare la salute metabolica e prevenire il diabete di tipo 2.

Lo studio ha coinvolto 45 studenti universitari, suddivisi in due gruppi in base al cronotipo mattiniero e serale, e quindi in “allodole” e “gufi”, che per 7 giorni hanno assunto 5 pasti calibrati al giorno (colazione, pranzo, cena e due snack) con indice glicemico compreso tra 46 and 59 e, secondo un disegno a crossover, controllato e randomizzato, il quarto e il sesto giorno i volontari hanno consumato un pasto ad alto indice glicemico la mattina alle 7:00 e uno la sera alle 20:00.

La risposta glicemica, misurata tramite monitoraggio continuo del glucosio, è risultata maggiore nei soggetti con cronotipo mattutino (+20%, espressa come area sotto la curva) quando il pasto ad alto indice glicemico era consumato la sera; i soggetti con cronotipo serale mostravano invece risposte glicemiche simili sia al mattino che alla sera, suggerendo una minore sensibilità all’orario di consumo del pasto.

Questi risultati indicano che l’allineamento del cronotipo con il tempo di consumo di un pasto ricco di carboidrati può giocare un ruolo significativo nella modulazione della risposta glicemica. In particolare, le cosiddette allodole potrebbero beneficiare di una programmazione più attenta dell’orario dei pasti ad alto indice glicemico, per ridurre il rischio di picchi glicemici postprandiali, specialmente alla sera.

Questo studio rafforza l’idea che la crono-nutrizione, ovvero l’adattamento dell’assunzione di nutrienti ai ritmi circadiani, possa essere un fattore determinante nella prevenzione del diabete e nella gestione della salute metabolica. Ulteriori ricerche sono necessarie per esplorare l’effetto di altri tipi di pasti e per confermare questi risultati in una popolazione più ampia e diversificata.

Glycemic response to meals with a high glycemic index differs between morning and evening: a randomized cross-over controlled trial among students with early or late chronotype

Stutz B, Krueger B, Goletzke J, Jankovic N, Alexy U, Herder C, Dierkes J, et al.
Eur J Nutr. 2024 Apr 12. Epub ahead of print.

PURPOSE: Glycemic response to the same meal depends on daytime and alignment of consumption with the inner clock, which has not been examined by individual chronotype yet. This study examined whether the 2-h postprandial and 24-h glycemic response to a meal with high glycemic index (GI) differ when consumed early or late in the day among students with early or late chronotype.
METHODS: From a screening of 327 students aged 18-25 years, those with early (n = 22) or late (n = 23) chronotype participated in a 7-day randomized controlled cross-over intervention study. After a 3-day observational phase, standardized meals were provided on run-in/washout (days 4 and 6) and intervention (days 5 and 7), on which participants received a high GI meal (GI = 72) in the morning (7 a.m.) or in the evening (8 p.m.). All other meals had a medium GI. Continuous glucose monitoring was used to measure 2-h postprandial and 24-h glycemic responses and their variability.
RESULTS: Among students with early chronotype 2-h postprandial glucose responses to the high GI meal were higher in the evening than in the morning (iAUC: 234 (± 92) vs. 195 (± 91) (mmol/L) × min, p = 0.042). Likewise, mean and lowest 2-h postprandial glucose values were higher when the high GI meal was consumed in the evening (p < 0.001; p = 0.017). 24-h glycemic responses were similar irrespective of meal time. Participants with late chronotype consuming a high GI meal in the morning or evening showed similar 2-h postprandial (iAUC: 211 (± 110) vs. 207 (± 95) (mmol/L) × min, p = 0.9) and 24-h glycemic responses at both daytimes.
CONCLUSIONS: Diurnal differences in response to a high GI meal are confined to those young adults with early chronotype, whilst those with a late chronotype seem vulnerable to both very early and late high GI meals.

Condividi

AP&B

Eventi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER NFI

Riceverai la nostra selezione della letteratura scientifica e il mensile AP&B (Alimentazione, Prevenzione & Benessere), pensato per chi vuole conoscere i presupposti di un'alimentazione che dia un contributo attivo allo “star bene”.

Non inviamo spam!
Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.