Consumi di bevande zuccherate e succhi di frutta al 100% e rischio di malattie cardiovascolari

17 Aprile, 2024

Gli studi osservazionali hanno spesso rilevato associazioni significative tra il consumo di quantità elevate di bevande zuccherate e l’aumento del rischio di eventi coronarici; la causalità di queste relazioni, tuttavia, rimane incerta. Infatti, le evidenze disponibili non consentono di escludere la possibilità che tali consumi siano invece semplicemente degli indicatori di uno stile di vita non favorevole.  Ancora più incerto è il ruolo dei succhi di frutta al 100% in relazione al rischio cardiovascolare.

Poiché l’esecuzione di studi di intervento su temi di questa natura è praticamente impossibile, l’impiego degli studi di randomizzazione mendeliana in questo ambito è ormai molto frequente. Gli autori hanno quindi selezionato polimorfismi a singolo nucleotide fortemente correlati ai consumi di bevande zuccherate e di succhi di frutta al 100%, con l’obiettivo dichiarato di superare i limiti dei tradizionali studi osservazionali, influenzati da fattori confondenti e da fenomeni di causalità inversa.

L’approccio sperimentale descritto ha permesso di dimostrare l’assenza di relazioni di natura causale tra il consumo di bevande zuccherate e il rischio di incorrere nelle manifestazioni cliniche più tipiche della malattia coronarica (angina, infarto, aterosclerosi coronarica, scompenso cardiaco); il consumo di succhi di frutta al 100% possiederebbe un moderato ma significativo effetto protettivo nei confronti dell’angina (-3%). È invece emersa un’associazione, di ampiezza molto limitata (+2%), tra il consumo di bevande zuccherate e il rischio di fibrillazione atriale, osservato anche in un recente studio osservazionale nella coorte della UK BioBank per consumi di queste bevande superiori a 2 litri la settimana.

I risultati di questa randomizzazione mendeliana escluderebbero quindi un ruolo causale delle bevande zuccherate o dei succhi di frutta al 100% nell’aumentare il rischio di malattia coronarica. Quest’osservazione avvalorerebbe invece l’ipotesi che l’associazione tra il consumo di queste bevande e il rischio coronarico, rilevata in molti studi osservazionali, sia in realtà dovuta al ruolo di fattori confondenti non identificati.

Association between sugar-sweetened beverages and pure fruit juice with risk of six cardiovascular diseases: a Mendelian randomization study.

Xie H, Liu Y, Gu X, Liu S, Fang Y, Zhong W, Zhang Y, Yao S.
Eur J Clin Nutr. 2024 Apr 12. Epub ahead of print.

BACKGROUND: In observational and prospective cohort studies, intake of sugar-sweetened beverages (SSBs) and pure fruit juice (PFJ) has been associated with cardiovascular disease (CVD). Still, the causality of the connection has not yet been determined. Our objective was to uncover the relationship between SSBs/PFJ and CVD.
METHODS: Genetically predicted causal associations between SSBs/PFJ (obtained in a published genome-wide association study) and six common CVDs (atrial fibrillation (AF), angina, heart failure (HF), acute myocardial infarction, hypertension, and coronary atherosclerosis) were assessed using MR analytic modeling. The primary analysis method utilized was the inverse variance weighted (IVW) method, complemented by additional methods such as the weighted median method, MR Egger regression, Cochran’s Q test, MR pleiotropy residual, funnel plot, Bonferroni correction, and others for MR analysis. To ensure the robustness of the findings, F-values were calculated as a complementary test to set looser thresholds for exposing genetic instrumental variables (P < 1e-5).
RESULTS: The results of MR analysis suggested genetically causal associations between SSBs and AF (odds ratio (OR): 1.023; 95% confidence interval (CI) 1.007-1.038; P = 0.0039) as well as between PFJ and angina (OR: 0.968; 95% CI, 0.943-0.993; P = 0.0138) there was genetic causality. However, MR analysis showed no causal association between SSBs/PFJ and other CVD risks.
CONCLUSION: This study suggests that there may be a potential causal relationship between SSBs intake and AF and a causal negative association between PFJ intake and angina.

Condividi

AP&B

Eventi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER NFI

Riceverai la nostra selezione della letteratura scientifica e il mensile AP&B (Alimentazione, Prevenzione & Benessere), pensato per chi vuole conoscere i presupposti di un'alimentazione che dia un contributo attivo allo “star bene”.

Non inviamo spam!
Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.