Aumenta il rischio di depressione con le diete prive di carni e di pesce?

16 Gennaio, 2023

È noto che le persone che non consumano carne beneficiano di una ridotta probabilità di incorrere in malattie cardiovascolari o in alcuni tipi di tumore: gli effetti di questo tipo di alimentazione sulla salute mentale sono tuttavia meno noti. In letteratura sono infatti pubblicati dati discordanti, specie per quanto concerne l’associazione di un pattern alimentare vegetariano o vegano con il rischio di episodi di natura depressiva.

In questo studio brasiliano, condotto su circa 14.000 soggetti, gli autori hanno rilevato che coloro che dichiaravano di seguire una dieta priva di carne, sia bianca che rossa, ma anche di pesce e di tutti gli alimenti di origine marina, erano incorsi in un episodio di natura depressiva, nella settimana precedente alla valutazione clinica, con una frequenza circa doppia rispetto ai soggetti con alimentazione invece onnivora. La valutazione nutrizionale ha permesso di rilevare alcune carenze specifiche tra i soggetti che escludevano carne e pesce dalla dieta: l’apporto di vitamina B12, di vitamina D, di acidi grassi omega-3 era per esempio sensibilmente inferiore rispetto al gruppo degli onnivori. Secondo gli autori, tuttavia, queste carenze possono spiegare non più del 10% dell’eccesso di patologie depressive riscontrate tra i consumatori di diete senza carne e senza pesce. È importante sottolineare che la struttura dello studio non consente di definire se esista una vera relazione di causalità tra la dieta di queste persone e la maggiore prevalenza di sintomi depressivi; non si può infatti escludere che la relazione abbia in realtà una direzione inversa, e che siano le patologie depressive ad aumentare la probabilità di adottare diete senza carne e senza pesce.

Certamente, gli effetti sulla psiche e sulla salute mentale dei vari pattern alimentari sono a tutt’oggi poco studiati; sarebbe invece importante approfondire lo studio di queste relazioni, anche alla luce della crescente diffusione della depressione nel mondo e dell’impatto molto negativo di questa patologia sulla qualità della vita delle persone colpite e dei loro caregivers.

Association between meatless diet and depressive episodes: A cross-sectional analysis of baseline data from the longitudinal study of adult health (ELSA-Brasil)

Kohl IS, Luft VC, Patrão AL, Molina MDCB, Nunes MAA, Schmidt MI.
J Affect Disord. 2023 Jan 1;320:48-56. doi: 10.1016/j.jad.2022.09.059. Epub 2022 Sep 23. PMID: 36162679

BACKGROUND: The association between vegetarianism and depression is still unclear. We aimed to investigate the association between a meatless diet and the presence of depressive episodes among adults.
METHODS: A cross-sectional analysis was performed with baseline data from the ELSA-Brasil cohort, which included 14,216 Brazilians aged 35 to 74 years. A meatless diet was defined from in a validated food frequency questionnaire. The Clinical Interview Schedule-Revised (CIS-R) instrument was used to assess depressive episodes. The association between meatless diet and presence of depressive episodes was expressed as a prevalence ratio (PR), determined by Poisson regression adjusted for potentially confounding and/or mediating variables: sociodemographic parameters, smoking, alcohol intake, physical activity, several clinical variables, self-assessed health status, body mass index, micronutrient intake, protein, food processing level, daily energy intake, and changes in diet in the preceding 6 months.
RESULTS: We found a positive association between the prevalence of depressive episodes and a meatless diet. Meat non-consumers experienced approximately twice the frequency of depressive episodes of meat consumers, PRs ranging from 2.05 (95%CI 1.00-4.18) in the crude model to 2.37 (95%CI 1.24-4.51) in the fully adjusted model.
LIMITATIONS: The cross-sectional design precluded the investigation of causal relationships.
CONCLUSIONS: Depressive episodes are more prevalent in individuals who do not eat meat, independently of socioeconomic and lifestyle factors. Nutrient deficiencies do not explain this association. The nature of the association remains unclear, and longitudinal data are needed to clarify causal relationship.

Condividi

AP&B

Eventi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER NFI

Riceverai la nostra selezione della letteratura scientifica e il mensile AP&B (Alimentazione, Prevenzione & Benessere), pensato per chi vuole conoscere i presupposti di un'alimentazione che dia un contributo attivo allo “star bene”.

Non inviamo spam!
Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.